Cerco di sfuggire alla tecnica,

ma mi rendo meschina

Cerco di rincorrere il carro dei buoi,

ma mi rende inutile

Cerco di intonare il tempo dell’inverno,

ma mi scopro inabile.

Cerco di incantare la mia stessa coscienza, come un cucciolo di serpente,

dicendole che domani sarà un giorno più luminoso, senza bisogno di nuovi sermoni.

Ma la verità é che mi faccio io stessa pezzo di carta,

esile pergamena,

su cui scrivere le mie ultime poesie di pace, in tempo di guerra