Siamo tutti uomini

anche quelli che crediamo eroi, o figli di Dio

sono uomini, come noi

che si addormentano mentre gli parli

o a cui suona il cellulare nel momento della tua massima confessione

Siamo tutti uomini, nessuno escluso

Se fossimo più dissimili tra noi forse finirei per amare davvero una scorza non amara

ma per adesso siamo tutti uguali, con gli stessi odori di panino nello zaino, con la stessa voracità per i furti del mare, con gli stessi occhi pesti che cerchiamo di tenere aperti nei momenti come pranzi troppo lunghi.

Siamo tutti schiappe, anche i preti

a Natale.

Uomini.