Roma, termini.

Bonaiuti Vincenzo
de l’Impresa Restauri
che l’ho fatta coi fondi
dell’Unione Europea.
Cinque anni so’ stato
In galera e ora so’ divorziato
e nemmanco so’ ‘ndove dormo
stanotte. Mi moje, che vòi…
Cinque anni a ‘na donna
je brucia la fregna!
Lei già troppo santa
a veni’ a settimana
ai colloqui, ca ‘a scusa
de portà mi fija.
Che c’ha ventidu’ anni.
E poteva benissimo veni’
da sola. Ho ‘na fija,
‘na rosa.

É che qua me conoscono.
Se c’avevo n’amante, mo’…
Se c’era n’amante, mi moje
‘o sapeva prima de me
e co’ tanto che qua
nun ce sto quasi mai.
Solo a fa ‘r cojone ce sto.
A fa lo stronzo che
nun so dove dormì neanche.
C’hai ‘n pezzettino de cartone? -
Che ‘na piotta c’ho!
No, per un filtro -
Cinquant’anni c’ho io! Tondi!!
E sto a famme le canne.
Però a vorte fa piacere,
quanno me salutano.
Ner bene e ner male,
che la gente te riconosce
nun me dispiace.