SILVIA CORRE

Silvia corre stasera a viso nudo,
fra fari e monossido, lampeggianti e panico
e il vostro sguardo atroce
a graffiargli pelle e cuore.
Silvia pensa, sono tristi
gli astanti, osservatori stanchi,
anime non-partecipanti
all’intima folle gioia
che oggi veste ai fianchi.
E non ha pudore, non ha timore
di sentirsi stupida, di sembrarvi impudica.
Lei corre, corre, oltrepassa ansia e terrore,
la vedrete danzare, dalla strada decollare,
volare fino al sole.
Perché Silvia è viva,
ha fiato e gambe, lividi e sangue
e questa voglia pazza di risalire,
non arrendersi a buio e dolore.
E sull’asfalto sporco stasera avvampa,
senza paura spalanca l’ali e accende l’aria.
Sarà fuoco puro la musica delle sue parole.