Di’ pure
quale gelida sensazione
pervaderebbe le tue esili membra
se, conscia d’esser ormai ignuda
e senza un tetto,
riaffiorare dovesse
il ricordo di te
al sicuro dalle intemperie
tra le braccia mie.