Napoleone

Sto francese de Ajaccio
per non sape né legge e né scrive
s’apparecchia un matrimonio
co na donzella influente
mica fesso sto tenente
che se scala rapido la vetta
e arriva a fa er generale
pure in tutta fretta
je appioppeno n’esercito de manigoldi
e scapestrati
che tutto sanno fa tranne li sordati
Ma il signor Napoleone è un buon motivatore
così pe falli vince glie riaccende lo spento ardore
je dice – voi sete poracci, vestiti tutti de stracci
annamo a vince la battaglia e le vesti bone rubatele ai mortacci
Cosi comincia a sdraia’ le armate
pe primi gli austriaci pija a randellate
poi è er turno degli inglesi
e se conquista mbotto de paesi
arriva ovunque, je manca a russia
li proprio ce se ‘ncaponisce
pare che il consigliere suo glie disse
-Mon générale qui ce fanno er culo a strisce!-
Niente da fa lui ce ‘nsiste -
Ao so Napoleon mica so Serse
e qui de termopili nun ce ne stanno
vedrai,je faremo grosso danno!
e invece er freddo e la neve
senza magna e senza beve!
L’esercito suo ritirò
La madre russia je disse no!
All’isola d’elba in esilio fu spedito
ma rinsalda le sue truppe e ce riprova a mena dito
lui se incazza ma con pazienza
gia progetta ‘a ripartenza
ma stavolta tutti insieme aWaterloo
i nemici sua je danno appuntamento
E cosi lo spazzano via senza tanto tormento
proprio come fa con le foglie er vento.
tra africa e sudamerica lo ficcano in mezzo ar mar,
su Napoleone se chiude er sipario
da Sant’Elena nun se po tornà.