Testaccio

Ho un monte Testaccio in questa mappa del corpo
si colloca qua,
tra la gola e il cuore,
poi prende uno spazio circolare
che ogni tanto pulsa,
raccoglie,
assorbe.
Dentro ci sono molle rotte,
cavi bruciati,
millenari cocci di terracotte.
Tutto ciò che più non contiene,
che più non si folgora,
che più non cattura la spinta.
Ma
il monte cresce, cresce,cresce.
Vibra e pulsa, ingoia e succhia,
inerte cattura,
accumula stratificazioni,
millenarie,
Anime.