Silenzio

Il masnadiero errante
Si’ tristemente va
Per le perdute vie
Col silenzio dei lumi
 
Così il marinaio
Davvero fiducioso
Nel mare burrascoso
Veglia su di lei
 
La notte risuona
Nel tempo assente
E mormora la vita
Tradendone l’affanno
 
Il corvo si svela
Al passo delle nubi
Ed in lei ravvisa
Un tacito disprezzo
 
Mormorano
Tremano
Soffrono
Più non sanno
 
Ed il timore dei soli
Il tempo vano
Cercando il fiore
Nel deserto d’Ade
 
La metà del fuoco
Arde ancora, lì
Ed il colle dei beati
Vi pose le fondamenta
 
Il dramma dei destini
Tra l’immenso
e l’improprio
Nessuna verità