Ultimi Giardini

Gli istanti di Giada
Oramai svaniti
Una nera sete
Davvero implacabile
 
La sera dei soli
Al passo della fede
Irene li protegge
Certa del futuro
 
Selene osserva
Silente e attenta
Sovente si distrae
Gelosa dei suoi figli
 
Eros si sopisce
Concluso il suo dovere
Sognando invero
Di attimi davvero suoi
 
Non chiede nulla
Il vegliardo già solo
Eppure qualcosa
Lo coglie in pieno sonno
 
La giovane sposa
Da tempo rapita
Colta dai numi
In odiosi pensieri
 
Disdegna il tempo
E la sua attitudine
Lei vive comunque
E nulla teme più
 
Lo sposo la esorta
A gioire del momento
E ignari non sanno
Che il tempo leggere non sa