Ancora tu

Ancora tu. Ebbene sì.
Mi ritrovo qui a scrivere
stanco di fingere, l’arte
del sorridere.

La mia parte è malinconica,
a tratti nevrastenica.
Porta pazienza.

Così diceva mia nonna
e lei sì che ne sapeva.