I soli possono tramontare e poi risorgere
ma tu ti sei assopito sulla nostra clessidra
perchè col Tempo
tenevi il conto di quel lento stillicidio esiziale,
la fuga dei tempi.
Ai mortali sono concessi pochi granelli
per vivere, sopravvivere, resistere,
abbandonare l’odio e l’amore;
e tu con amore e con odio
in un soffio hai disperso nell’etere i nostri,
l’oasi dei mondi.
I soli possono tramontare, risorgere, e poi
semplicemente morire,
tu hai creduto che l’eternità
sarebbe stata alla nostra altezza
e un sole morente mi hai offerto in dono,
l’occaso di un cuore.

nox est perpetua una dormienda