giocattolo.

gioca coi miei occhi accecàti
cucimi la bocca e le orecchie
prendi il mio cuore strappalo
sfilami le vene i nervi i tendini
legali insieme fanne una palla di stracci
scola il mio sangue che arde di veleno
usa la mia pelle non è quello che vuoi?
butta tutto il resto e copriti di me
frantuma le mie ossa come sabbia
tira i miei capelli come redini di cuoio
e frustami per farmi andare forte
dove tu vuoi io ti seguirò
incapace di negarmi credo
al tuo egoismo mascherato
non m’importa
io sono altrove.