Skip to main content

averti lasciato averti tenuto

Rincominciando la storia a ritroso si potrebbe comunicare al mondo che io abuso di sostanze psicotrope per colpa tua, nient’altro che tua. Al diavolo quella volta che prima di consumare un rapporto mi chiesi di farlo e al diavolo ancora di più il fatto che si creò un legamento ancora più forte (tringolarmente parlando). Ora io di te non ne voglio più sapere nulla, non provo nemmeno astio, forse a volte guardo con nostalgia i posti ove abbiamo condiviso,

ma poco abbiam detto e fatto e tu hai trovato la donna perfetta

il mio volto ora freddo e gonfio, sì perché io ne sono uscita sconfitta dalla mia battaglia, anzi nostra. Io con le sostanze che mi rendono la testa come un pallone gonfiato, vorrei fosse solo di pensieri…

Ma ora ti guardo e vedo ben poco, non c’è disperazione e forse mi manca, perché almeno provavo qualcosa

ora non provo nulla

ma sappi che ti terrò con me per sempre, ogni che consumo sostanze penso al nostro rapporto a trio (io-te-droga).

Non lo lascerò mai, non ti vogliono dire

incontrarsi

Ecco! Un pezzo di carne per cui sono un altro pezzo di carne!

macelleria

zak zak

nuova carne fresca a fette

zak zak

Arriva un momento nella vita in cui ci si chiede che cavolo ci stia facendo con il proprio corpo.

A me oggi è successo e ho scoperto di averlo portato in macelleria

zak zak  

poggiata su base fiore di porcellana applicata da mostruosi mani poco degne e prive di guanti  vengo smembrata da servizi ignoti pronti per farne di me ció che vogliono.

un pezzo, un arto, prima uno, poi l’altro, quello inferiore e così ne resto senza….

capisci che nulla è rimasto se non la volontà di un ultimo macellaio di ammazzarti il cuore.

Tremi e con le sue sporche mani lo farebbe senza neanche pensarci due volte.

 

non c’è dignità nel merito di chi viene macellata/o tutti i giorni, da chi è dipendente affettivo e da coloro che sono in relazioni tossiche. Non c’è dignità perchè è stata macellata pure quella.

Fine

Ora che ho scoperto il segreto posso morire tranquilla

Mi stavo attentamente interrogando sul perché la mia vita dopo il ricovero fosse diventata stranamente piatta. 

Pensavo di essere guarita finalmente invece la parte peggiore di me viene sempre fuori,

non importa quando o dove, c’è sempre. 

Il punto è che non ne posso più di vivere artificialmente, ora lo so. 

Ora so perché sono ancora in vita. 

Non c’è più nulla di spontaneo, non c’è mai stato 

Sono fatta così e io voglio sprofondare nelle mie lacune.

Vorrei averne il diritto di farlo senza dispiacere qualcuno

Se solo ne avessi il diritto…

Amore tossico

sono invaghita di un ideale romantico che prevede di base la sofferenza

 

illusioni, cristalli liquidi e 6460 km

Incredibile la vita, installi un social per imparare una lingua e ti innamori.

 

T’ho visto due volte e sono giorni che non rispondi più

ti penso a tutte le ore e tutti i minuti del giorno

ti idealizzo, ti voglio

amo come scrivi, quello che mi dici, la velocità con cui mi rispondevi…

chissà dove sei

chissà come stai

a NY dove dici di abitare

Ti ho idealizzato troppo

Ho paura che quando tornerai a scrivermi io ormai sarò affogata tra i miei pensieri travolgenti

 

 

Perché deve andare così?

Prendi un momento mozzafiato:

  1. il caffè che entra in circolo alle 7 di mattina
  2. l’aria fresca dopo una lunga corsa,
  3. un 30elode ad analisi 2,
  4. un bacio rubato,
  5. la prima macchina,
  6. il nuovo album dei Placebo                                                                                                                                                                                                            e cosi via

Ci si sente vivi per molto poco e a volte non tutti lo comprendono.

A volte si pensa che qualcuno possa gioire con noi, amare con noi

non è così

io per esempio amavo quando mi parlavi di te e dei tuoi problemi, della tua “roba”, della tua musica, dei tuoi amici. Amavo quando facevi finta di non vedermi, amavo quando mi chiamavi per nome intero, quando mi tenevi per mano quelle poche volte oppure quando ti limitavi a guardarmi da lontano senza dire nulla.

Vorrei credere che pensi anche tu lo stesso

forse in un altro momento

forse in un altro mondo

concedimi di scivolare in un universo parallelo per non pensare il contrario

Bambolina

Sembianze da prostituta minorenne                                                                                                                                             ti concedi per dolore                                                                                                                                                                         e quei occhi tristi che cercano approvazione dove non esiste.

Bambolina                                                                                                                                                                                          ora sei chi temevi di diventare                                                                                                                                                            marcia dentro                                                                                                                                                                                    e non si torna indietro più.

Bambolina                                                                                                                                                                                        ora tutti vogliono te                                                                                                                                             e non t’ama nessuno                                                                                                                                          perché sei

Bambolina

chiudere per sempre la ferita sospesa

Si può ancora lavorare sulle ferite fintanto che sono aperte
e perciò dimenticati, anzi dimenticami.

Dimentica di noi due sul lungomare, tu sbronzo e io impaurita, dimentica di quando mi chiamavi alle 3 di notte per venire a dormire da te, poi dimentica di quando ti ascoltavo con gli occhi lucidi i tuoi discorsi privi di un contesto logico. Dimenticati di quando mi parlavi della tua mamma, dei suoi problemi e della tua angoscia, soprattutto dimenticati quando mi chiedevi come ci sente a stare male. Dimenticati di me, della mia disponibilità, della mia paura di non essere abbastanza ogni volta che ti vedevo e della cura che avevo nel trattarti. Dimenticati quando io ti allungavo le sigarette e tu mi passavi la birra, ti prego fammi fuori e dimenticami. Ricorda piuttosto quando mi trattavi male, quando mi vedevi e neanche mi salutavi, quando mi sminuivi, non mi ascoltavi, mi trattavi da pezza, un ammasso di pelle da usare, scopare, ridurre in poltiglia e lasciarla andare sul ciglio della strada. Ricordati tutte le volte che abbiamo dormito di spalle, le coccole che non mi hai mai fatto e l’affetto mancato.

chiudi per sempre la parentesi aperta, l’interrogativo senza risposta.

E fu così che la Ninfa di Marte si diresse verso l’autodistruzione. A lei che nulla mancava, che tutto aveva, splendida Ninfa perché? “Ci sono scelte che la società mi ha indotto a prendere” ribadiva. Non aveva assolutamente senso ma per quanto chiunque si domandasse come mai la bella Ninfa si stesse deteriorando nessuno faceva nulla se non dire parole scontate: “Non ti manca nulla, sei bella, brava e intelligente” era la frase cardine che qualsiasi persona che vedeva in lei uno scorcio di tristezza si sprecava a dirle. Poverini, come se bastasse. Si sa che quando si è rotti dentro non c’è molto da fare. Ma come poteva una Ninfa essersi rotta dentro? Chi o che cosa aveva causato quel maledetto dolore tale da portarla a disintegrarsi con le sue stesse mani? Per quanto lei potesse dare la colpa alle persone, all’amore o alla società, la cruda realtà è che lei era fatta così. Alla fine amava farsi del male, amava distruggere tutto quel castello di perfezione che si era creata, come quando i bambini distruggono i castelli di sabbia, la filosofia era più o meno la stessa. Non riusciva a sopportare la solitudine, il silenzio, l’abbandono e così si circondò di quante più persone possibili giuste o sbagliate che fossero. Lei che cercava di prendere il meglio da tutti alla fine prese solo il peggio. Nessuno poteva proteggerla da quello che voleva anche se lei ci sperava sempre e comunque. E poi alla fine arrivò il giorno in cui la Ninfa esausta finalmente raggiunse il suo obiettivo finale. Ora finalmente apparteneva a Marte solo e soltanto.

Proteggetevi da soli da quello che volete, nessuno lo farà per voi. E se avete il destino segnato ricordate che prima o poi tutti crepano. Che sia la Ninfa di insegnamento a chi cerca negli altri aiuto. Perché la crudeltà e l’apparenza sono più importanti dell’empatia e della benevolenza.