Skip to main content

MiliDanza

Se muovi le gambe
come muovi la mano
rapace
che strappa dal buio
lo spazio di un foglio

sul muro

la penna che rende
vicine parole capaci
incontrate lontano
in un vicolo scuro

il tratto tracciato di netto
non lede di certo
la carta con dita feline
artigli
di contro
nel mio povero petto.

Se muovi le gambe
come muovi le mani
vorrei poterti invitare
a ballare

Con(tatto)

 
E cosa accadde
quando soffocasti la brace
del tuo bisogno di vedermi?
Quando occultasti la
voglia,                                                                                                                               
[non più pressante?]
di stringere tra le dita ruvide
le gote
che per te s’accesero?
Quando la tesa attitudine
d’ardore, di senso di me
invertì la curiosa
cantilena, votò al muto gelo
il navigato sentimento che ci fece nostri?

Quando perdesti contatto
con il bisogno
di voler volerti?
Vedevo la pienezza arrancare
calpestare avare terre
avidi volti donarono
il tuo sguardo
tentanti,
assetati occhi
tentarono di sciogliere
il tuo nodo in me,
vetusti sudori nei nostri palmi soli
sverdirono dove solitudine ci colse.
Dove
meno venne la pressione.