Skip to main content

Dalla mia finestra

T’immagino
lì seduta,
in fondo a quella stanza piena di te,
lo sguardo volto altrove, quell’ azzurro cielo
si mescolava ai tuoi occhi.
T’immagino
e sei,
sei qui
in questa casa dove vivo nell’assenza.
T’immagino
quello chignon che volgeva verso me.
Contemplavi l’ultima solitudine.
T’immagino
mi rifletto,
mi metto nella tua stessa posizione.
T’immagino
mi arriva un bagliore.

Vita

Le allodole vivono nella natura
in essa si consumano
rinascono
muoiono.

A me l’aria consuma l’appetito
sazia la fame
fa nascere malinconia e nuovi colori.

C’è blu, bianco, verde
E io vedo tutto,
E io osservo quell’aria che mi ha fatto nascere
Dal primo strillo
Dal primo sussulto.

Ho amato e rispettato quell’allodola
Che mi sfiora ancora i capelli biondi.

Alti e bassi

Il sogno alto

dei sogni bassi

dei comignoli interni

dei baci spersi.

I periodi alti

dei periodi bassi

del lago ancestrale

dei baci al mare.

Il modo alto

dei sogni bassi

dei periodi sparsi

in me.