Skip to main content

All the trivial things

There was a time where I used to sit on the floor
never wearing shoes and my toes
pointing north

How can I come back to that wild part of me?
I was five and no fear of failing and scream

All the birds in the sky
they don’t know where they’re going to fly

And all the fish in the sea
shall I know how they swim?

And all the flowers in these fields
not pretending how to be

All those trivial things
tell me how to live

La foresta nel deserto

Sono scappata di nuovo nel deserto,
eppure l’aria che respiro stavolta è davvero fredda.
Sono a miglia di distanza da casa mia,
e sono passati almeno tre giorni dalla mia ultima telefonata.

Non avrei mai pensato di sentirmi così piccola.

Ho trovato un buon posto per crescere un po’ di più lontano da qui,
solo non troppo a lungo.

Mentre i miei passi affondano sulla sabbia
metto a fuoco i miei ricordi più belli
e cerco di non dimenticare i miei errori e guardo in alto.

Mi chiedo perché nella notte qui le nuvole sembrano degli angeli
e ballano così velocemente che non riesco a stargli dietro.
Cantano in lingue che non conosco.

Il mio futuro sta scalando proprio quelle dune che vogliono ostacolarmi.
E qui nel deserto, dove l’aria è così fredda,
tutti i miei pensieri mi ruotano intorno come una giostra chiassosissima.
Vedi che macello con gli angeli che cantano pure.
Non ci capisco niente con tutto questo rumore di fondo,
non riesco neanche a pensare più.

Infondo, sono soltanto un fragile essere umano,
ma se penso che tu mi vieni a cercare nei miei deserti,
mi sento forte,
invincibile,
sono la creatura più amata sulla terra.

Il fatto è che la verità è l’unica cosa che chiedo,
e nel cercarla mi sono sentita persa così tante volte
che ho trovato una ragione per scappare via e nascondermi.

Ora ho messo la testa nella sabbia,
ma gli angeli lassù continuano a ballare,
a cantare, a far rumore.

Le domande sul futuro con tutte queste dune mi spaventano
ma ora scelgo di uscire a cercarmi.

Ho bisogno di te al mio fianco perché sei tu
che puoi lavare via di dosso
tutta quella sabbia che mi sono portata appresso
da quella che credevo fosse la mia nuova casa.
Ma scappare non è più casa mia.
Sei tu casa mia.

Ora puoi anche dirmelo, come fai tu ad aspettami sempre?

Mi guardi lì sorridente, mi guardi passarti accanto prima di andare.
Come fai a sapere tutto prima di me?
Come fai ad amarmi prima di me?
Non hai paura della distanza tu?
Io non faccio che correre via e tu mi aspetti sempre.

Mi aspetti con quella pazienza che hanno solo foreste,
mentre io cerco sempre questi deserti.

Ma questa volta l’aria è così fredda,
e io potrei stare qui in silenzio
e lasciarmi andare lontano ancora.
Ma non questa volta.

Come posso davvero parlare di deserto
quando attorno a me
c’è tutto questo
amore?

Ombre sul muro danzano nel mio appartamento
scavando forme grigie e marroni dappertutto.

É ormai abbastanza chiaro che sbaglio a fidarmi delle nuvole,
che per natura non possono restare, in ogni caso.

Nel mio appartamento ho dipinto un albero
per trattenere tutta la luce che mi hai dato
nel mezzo di tutte queste danze.

Eppure non vedo alcun vantaggio nell’aggrapparmi al ricordo di te,
perchè nessuna ombra può riempire il buco che hai lasciato nel muro di casa mia.

E se anche mi pensassi ancora –
(così, che per puro caso ti passasse il mio volto davanti agli occhi in un momento di assentissima distrazione)

così – per puro caso – dicevo,

dimmi come ti viene in mente
pensarmi
e fare finta di niente.

Circus

Nights spent suspended on the corner of our lips,
as we were ropes.

But we are jugglers of the seasons
playing with the weather,
and the risk is high
to make it rain.

Salty blue boy

Hey salty blue boy,
we’ve drawn melodies on our arms
with our shy fingers and fire into our eyes.
Graceful stars came around too see us barefoot,
drunks, enlightened by candles and guitars.
It remains just that melody I painted on your arm with the tip of my tongue.
I kissed the back of your neck,
and then we started counting the colours of the stones.

Eterocromia

Hai nel volto due isole sorelle,
sebbene tu dica:
“non ci sono tante isole sperdute nell’Atlantico!” –

come puoi dirlo,
se una è proprio lì a destra,
ed a volte è più chiara della sinistra.

E prendendosi d’invidia, la sinistra,
ci litiga ogni tanto,
si contrae e si espande,
ride e si incontra con le mie isole.

Risvegliando vulcani estinti –
ridono i tuoi occhi coi miei,
e nel frattempo io
traverso l’Atlantico.

Update: era solo una macchia nell’occhio probabilmente, niente di poetico.
Spoiler: e col riscaldamento globale tutte ste isole sono belle che sommerse, i vuclani inattivi, ed io smetterò di vedere del bello in tutti, quando Trump smetterà di impiantarsi capelli finti.

Atlante

Nelle isole remote e nelle sorgenti più fredde,                                                                                                                                                              esploro la mappa dei tuoi nei.

Se il mondo non fosse già stato tutto scoperto, creerei un tragitto per percorrerti.  Mi concentrerei sull’essenziale: isolerei le varie realtà che conosco, le relegherei ad una qualunque finzione. Perché la mappatura dei tuoi nei è uno scenario fantastico, e quando la seguo con gli occhi, io, davvero, non so come tu possa contenere un disegno tanto spazioso addosso. Tratteggerei una carta geografica io stessa per provare a spiegare al mondo come ti vedo io, ma non ti sarebbe coerente. Situerei a largo il rancore che provo per te, quello di cui non ti ho mai messo al corrente. Arginerei gli arcipelaghi del dubbio ed incaricherei esploratori esperti di raccogliere coraggio, bambù, il verde dei fichi, il colore montagna bruna dei tuoi occhi. Che poi sono anche foglie di cielo e arcate di pietra antica. E questo perchè hai un colore tutto tuo, frutto di tutto questo mischiarsi.                                                                                                                                        Ti mischieresti con me?                                                                                                                                                                                                        Col mio colore muschio vivo,                                                                                                                                                                                                con le mie domande incessanti,                                                                                                                                                                                            coi miei giardini sconfinati?

Se mai tu acconsentissi a mischiarci, per la gioia, colonizzerei il cielo di pesci, l’acqua di umani con apposite branchie per percepire meraviglia, anche solo una particella di quella che io percepisco tua.

La cartografia tutta è stupefatta dalla mappa dei tuoi nei:                                                                                                                                l’atlante è, con te, raccolta di poesia e prose sparse, l’atlante è teatro del mondo,                                                                                                e la mappa dei tuoi nei è quell’isola remota in tutti i miei desideri.

Il vento ci vuole leggeri,

spogliati dalle nostre pesanti storie.

Munnizza

Ho lasciato fuori la spazzatura.

C’erano i resti della cena,

le scadenze non rispettate,

la mia pigrizia.

 

Ho incartato tutta la mia gratitudine per il sole,

senza stropicciarla troppo.

L’ho avvolta di pazienza, carta velina e bucce d’arancia.

 

Ci ho messo il sottofondo del televisore

che fa compagnia di notte,

il libro che non finisco mai sul comodino.

 

Ci ho messo tutto l’amore per i lampioni gialli,

la mattina a Piazza Marina,

il pane al cioccolato.

 

Ho lasciato fuori la spazzatura,

con tutte le emozioni con cui ho giocato a vivere,

credendo per un secondo

di poterla tenere per sempre.

I woke up in the middle of the night,
while an electric blue was becoming light,
that popped air kissed me,

and I felt blessed.