Skip to main content

Neo

Ancora quel vizio
di dare forma a versi che lascino spazio
a fantasie sognanti di estati distanti
e ad istanti incapaci di sogni latenti

Ancora quel vizio
di voler scrivere poesie senza parole
e spalmarle su muri che bacino occhi
assetati di ombre o di un grammo di amore

Eppure sei tu
eppure siam noi
con due vite prestate a empatie mai create
con un rivolo nero di denso tabacco
ed un singolo neo, appoggiato lì accanto

Melograno

Stagione d’autunno
rosso d’intorno
fuoco di vino
e spirito ramingo
non resta che cantare
al soffio del maestrale
non restan che due mani
a non volersi trattenere
a cercarsi in una sera
per sfiorarsi luccicanti

e un melograno

buttato

Viali nel ’20

Non cercare la sillaba
nei sogni latenti
di parole sbiadite
o di viali adombrati

son le strade svuotate
di persone e passioni
a parlarti da sole:
eran solo illusioni

Roma (“Le città visibili” #8)

Di certo nun so’ er Trilussa
e se proprio devo pensacce bene
manco so’ romano

eppure Roma m’appartiene

L’inchino del girasole

Tramonti di sale
ebbri di vita
in un seme la speranza
di ascesi infinita

Lei, lui, Bucinella

Carezze improvvisate
in stagioni gelate
verosimilmente
felicità

Madonna nera

Il seno tuo che allatta
un bimbo per la strada;
una goccia di vita
regalata alla pianura

Pesca

Tramonta il sole sulla tua pelle
lasciando ombre che sanno di stelle;
non è più il tempo del nettare
da succhiare con cura:
oggi è il ricordo
il sapore tuo più dolce

Ma mentre tutto secca
e prende piede l’inverno
germoglia tacitamente il seme
di tutte le estati che verranno;

è un sussurro di sogni
echeggianti lontano

Con l’oceano in mezzo

Cosa vuoi che siano
aerei, oceani e distanze
quando sono le anime
che vibrano in danze?

Belgrado (“Le città visibili” #7)

Città bianca che soffi
storie di fiumi e di colli
accarezzo la tua luna
nell’ebbrezza della sera