Skip to main content

Prima notte

La rossa è tramontata.

Tornano le stelle protagoniste

a Narciso sul calmo mare,

e l’tuo sorridermi, d’incanto,

cela la magia del firmamento

che da contorno ne sagoma il viso.

Osservo te, fisso, e tutt’attorno scompare.

Anni luce

Questo tormento,

rapsodica inquietudine

che d’animo ci assale.

 

Derisi dalle Stelle,

ci guardano compassionevoli.

Spregiudicato

L’ammiccante armonia del mare

ch’ogni ombra cancella al suo splendore.

Il tronco in balìa,

tra il restare e voler andar via.

Frivoli pensieri si adagiano su di un letto salato,

denigranti intrighi struggono quel filo logico e illusorio che a fatica tendo.

Ritorno poi a cullarmi,

in balìa,

tra il restare e voler andar via.

 

E mi ritrovo perduto

Minando il cuor d’ogni mio peccato,

assento la tua affinità

rivelatasi autentica.

Non era squilibrio morale,

credo fosse la più tenera delle cose.

Amore

D’un tratto, un brivido

Quel che non risulta agli occhi,

L’anima fa danzare

Vi si guarda in faccia

Vi si guarda in Faccia,
logoranti dal passato, mangia anime senza etica, predicatori e predicatrici del bene indotto da un sistema scarnante della vostra stessa vita,
passate inosservati,
celati dall’amabile che apparite.

Vi si guarda in Faccia,
abbagliati dalla vostra propensione nel mascherar quel che siete.

Vi si Adora, e voi ne ripagate nutrendovi di tutto, rigettando l’indubitabile avanzo dopo esservi imbottiti.

Vi si guarda in Faccia,
scherniti dalle vostre debolezze, trasformate ora in falso vigore,
ci lasciate a morire dissanguati da un amor che solo inganno era.

Ma che colpa ne avete, vergini vittime.

Vi si guarda in Faccia,
seppur con lacrime nascoste,
Vi si Sorride.