Skip to main content

Libro degli ospiti

Scrivi un nuovo messaggio

 
 
 
 
 
 
L' indirizzo e-mail non verrà pubblicato.
Non inserire informazioni sensibili, il messaggio verrà pubblicato automaticamente.
5506 messaggi.
Eugenio pubblicato il 30 Novembre 2021 alle 8:15 am:
Lei non sa che andava a trovarlo tutte le notti
E lui si svegliava felice, ad ogni alba, perché sapeva che si sarebbero rivisti.
Gioia da Roma pubblicato il 29 Novembre 2021 alle 10:28 pm:
I suoi occhi hanno il tepore del caldo sol d'estate che,
Con estenuante lentezza,
Affoga nelle acque terse e fredde.
Francesco da sdt pubblicato il 29 Novembre 2021 alle 1:47 am:
Il deserto dietro,
e l'oscurità davanti.
G. pubblicato il 28 Novembre 2021 alle 2:01 am:
Potessi partire,
Andare via da me
Dal pensiero di te,
Lo farei subìto, su due piedi.
Eppure mi contraddico,
Ti dico no,
In fondo sto bene qui,
Con i miei tormenti,
Ti tengo ancora stretto
Qui in questo letto,
In questa stanza affollata di ricordi,
Ti tengo stretto,
Fino a quando forse
Ritorni per davvero.
M. pubblicato il 27 Novembre 2021 alle 8:15 pm:
Si può sempre uscire...
io chiudo. vado in ferie.
Rientrerò un giorno, che non ho ancora ben definito
A presto!
V. da Firenze pubblicato il 27 Novembre 2021 alle 7:30 pm:
Somehow,
For a variety of non-interconnected decisions,
I am here,
And you are too.
G. pubblicato il 27 Novembre 2021 alle 7:09 pm:
Non sei ancora uscito...
Giaci da tempo nel silenzio del letto,
Che disfatto,
Arreda questa camera che è
Il mio cuore.
Eduardo pubblicato il 26 Novembre 2021 alle 3:03 pm:
Si t’ ‘o sapesse dicere

Ahhh si potesse dicere
chell che o’ core dice
Quann sarrìa felice
si lo sapesse dì
E si potesse sentere
Chelle che o’ core sente
Dicesse “Eternamente voglio resta cu te!”
Ma o’ core sape scrivere?
O’ core è analfabeta
È comme nu poeta ca nun sape cantà
Se ‘mbroglia
Spost’ e virgole
Nu punte ammirative
Mette nu congiuntive addo nun c’adda sta
E tu che lo stai a sentere te ‘mbrogli appresse a iss
Comme succcere spisse è ca ‘a felicità
- pubblicato il 26 Novembre 2021 alle 2:24 pm:
Ma comm’ è strano, ‘e vvote, stu’ destino,
te truov bell ‘e buon a trent’ann
cu’ dinto sti ricorde e ‘e stessi panne,
e sento ‘a voce toia pe tutte parte.
Ma comm’ pare strana chesta cosa,
cchiù passa ‘o tiempo, cchiù nun te fai capace,
nuie simme ‘e cantastorie
d’e cunte d’o passato,
nuie simme ‘a memoria
d’e tiempe tramontate,
e simme ‘e registratori
d’e voci ormai stutate.
Parole dinto o’ viento,
parole senza eco,
parole ca sucutene ‘e pensier
e nun tornene mai arrete.
Vivesse pe’ ciente anni dinto o’ dulore,
pe’ sta ancora n’ora assieme a te parlà,
pochi minuti e ritorno dint’o grigiore
‘n’ata jurnata è accuminciata già.

Ma quanno guardo annanze, e veco ‘a te,
capisco tutto ‘o munno.
Comme vurria realtà
fosse stu’ suonno,
comma vurria stu’ fridde
nun sentì cchiù.
6
Gioia Auddino da Roma pubblicato il 25 Novembre 2021 alle 8:13 pm:
E e aveva un pajo d'occhi,
lui,
ch'io vedevo e ch'esso non vedeva.