Libro degli ospiti

Scrivi un nuovo messaggio

 
 
 
 
 
 
L' indirizzo e-mail non verrà pubblicato.
Non inserire informazioni sensibili, il messaggio verrà pubblicato automaticamente.
3784 messaggi.
Matus da Verona pubblicato il Giugno 29, 2020 alle 4:57 pm:
Mai come quest’anno ho pianto, e mai per motivi tanto disparati.
Ho pianto per dolore, per frustrazione, paura, solitudine,
per gioia, per empatia, per rimorso
Ho pianto di rabbia, ho pianto la mia inadeguatezza di fronte alla vita.
Ho pianto di gratitudine non riuscendo più a dire grazie, pensando che esprimerlo a parole fosse quasi poca cosa.
Ho pianto per gli altri, da solo e con gli altri; “a causa” di altri.
Ho pianto perchè non mi riusciva di fare altro,
ho pianto su altri e mi sono pianto addosso.
Ho visto piangere senza poter fare niente, e così ho pianto la mia impotenza.
Ho pianto per ciò che ho perso, perchè il metro degli affetti si calcola sempre su ciò che è andato, ciò che finisce,
e quasi mai sulle esperienze di cui fare tesoro, su ciò che è stato,
perchè è più difficile, non ci appaga, non ci consola subito.

Ho pianto andando a dormire, e nei miei sogni, e svegliandomi.
Ho pianto in mezzo al verde, per la strada, sul lavoro,
esposto e nascosto negli angoli di tanti luoghi.

Ho pianto perchè è una delle reazioni che maggiormente libera e aiuta a lasciare andare, la più facile da esternare,quella di cui mai mi sono vergognato.
Ho letteralmente piovuto me stesso.
Quanto ho, ancora, da lasciare andare.
Quanto, ancora, da far piovere.
L’unica vera preoccupazione arriverà
quando non farò piovere più,
perchè forte del fatto che, dopo la Pioggia, sempre torna il Sole, e questo mi conforta ogni volta che “piovo”.
E’ spuntato il sole, stamani,..
chissà quando pioverà di nuovo, tutto sommato non vedo l’ora.
Sunny pubblicato il Giugno 29, 2020 alle 4:44 pm:
Sono qui in tribuna
a vedere il calcio,
a vedere la finale.
(strano non è da me,
ma si cambia...)
"si cambia campo"
una voce dall'altoparlante,
(non ci sto capendo granché)
"Caccia per i rossi!"
Stiamo vincendo sette a tre
mi volto e ti vedo tra la gente.
A fine partita ci incontriamo.
Ti parlo però senza fiato.
Intuisco che vuoi passare la serata insieme e
ci dirigiamo in via dei neri
"Bada che spettacolo!"
(Si stiamo bene insieme...
ops non si riferiva a noi)
e ci da le nostre focacce
E poi andiamo sul ponte...
"Attacchiamo il lucchetto?"
scherzando ti domando
e tu ne cacci uno dalla tasca
(da quanto tempo lo conservi lì?)
lo attacchi, poi lo guardo, c'hai già fatto il giglio,
io pensavo ad un altro fiore...
ma sorridi, sei felice,
mi son mancati i tuoi sorrisi.
Ci allontaniamo dal centro, saliamo su per una strada non troppo ripida e raggiungiamo un piazzale da cui si vede tutta la città.
I miei occhi pieni di stupore.
Tra una chiacchiera e l'altra scende la notte
Uno sparo. Salto, non me l'aspettavo.
"Ma non è presto?" Ti chiedo e
abbracciati guardiamo i fuochi
"Eran meglio l'altro anno!" Esclamano invece per me no perché quest'anno li ho visti con te.
Max da Lucca pubblicato il Giugno 29, 2020 alle 2:42 pm:
SCRIVI UNA POESIA

Scrivi una poesia per ogni momento.
Una poesia perogni tempo.
Una poesia per ogni stagione.
Una poesia per ciò che hai avuto.
Una poesia per cio che ti è mancato.
Una poesia per il sogno.
Una piesia per la realtà.
Scrivi una poesia per ogni occasione affinche la tua anima si libri
su una nuvola più o meno grigia.
Alice pubblicato il Giugno 28, 2020 alle 5:06 pm:
Abbiamo gusti diversi...
tu preferisci la musica internazionale
invece, io, solo quella italiana
anzi, neomelodica napoletana
but I just don't care
maybe we just don't care
mi servirebbe un traduttore tascabile
Così capirei every word
perché al suono di una parola straniera
In my mind scatta l'allarme antincendio
io vorrei scappare ma
ho paura delle scale
ho paura delle grate
but I just don't care
maybe we just don't care del testo
È il ritmo quello che conta
è il ritmo che ti trasporta
everywhere
Max da Lucca pubblicato il Giugno 28, 2020 alle 3:23 pm:
L' ULTIMA NINNA NANNA

Accosta la sedia al letto.
Cantami la ninna nanna di tempi lontani.
Cantamela lenta, al ritmo dei fiocchi
di neve. Cantamela finchè non dormirò, finchè non sentirò più i rintocchi
del tempo nelle mie orecchie. Allora saprò che la ricordi ancora
e che una parte di me ancora vivrà
anche se io ormai sarò nell' aldilà.
Se un giorno che avrai un figlio
tu gliela canterai,
sentirà oltre alla tua voce
anche quella di sua nonna.
Alessandro da Bari pubblicato il Giugno 28, 2020 alle 1:55 am:
siete banali
siete tutti uguali
siete vuoti
siete scialbi
siete senza colori
anzi
non siete.
Mari pubblicato il Giugno 25, 2020 alle 5:02 pm:
A volte scompari
come le virgole nei miei scritti.
A volte ti penso
ma non è mai abbastanza.
A volte mi chiedo
cosa provi... per me?
Perché io, per te,
di preciso,
non lo so ancora,
è un mix inspiegabile.
Max da Lucca pubblicato il Giugno 25, 2020 alle 7:39 am:
NUOVE DIMENSIONI

Non capisco perchè prima eravamo noi
E ora ognuno va per i fatti suoi.
Non capisco perchè eravamo due
E ora ognuno segue le orbite sue.
Sunny pubblicato il Giugno 25, 2020 alle 1:05 am:
Il mio problema è che reagisco d'impulso quando mi sento aggredita, ma mai come ora che mi sento di troppo, insomma un'intrusa.
Newt pubblicato il Giugno 23, 2020 alle 4:35 pm:
Un dolore lancinante
non ben localizzato
intorno al petto
E tu, che mi somministri
la morfina