Libro degli ospiti

Scrivi un nuovo messaggio

 
 
 
 
 
 
L' indirizzo e-mail non verrà pubblicato.
Non inserire informazioni sensibili, il messaggio verrà pubblicato automaticamente.
4442 messaggi.
Luna pubblicato il Novembre 22, 2016 alle 10:24 pm:
Come un gatto
Osservo
La vita
Dall'alto
Ma
Senza Viverla
Fino
In fondo
Giulia pubblicato il Novembre 22, 2016 alle 10:22 pm:
E comunque,
svegliarsi
al caldo
con il tuo sguardo
addosso,
caldo anch'esso
ma
di passione,
penso sia il
modo
più bello
di inviare
una giornata.
Milena pubblicato il Novembre 21, 2016 alle 1:04 pm:
Se potessi reincarnarmi
vorrei essere un sasso.
Non sentirei niente
non proverei niente.
Non avrei un cuore
né un cervello.
Starei semplicemente lì
al suolo
aspettando che
la scarpa di qualcuno
un temporale o un fiume
mi spostino
mi portino via.
E sarebbe il tempo a consumarmi
e non il dolore.
F.01 pubblicato il Novembre 20, 2016 alle 9:29 pm:
Il MEP è apolitico.
riccardo pubblicato il Novembre 20, 2016 alle 8:39 pm:
passione,
è venuta come fuoco,
bruciando tutto,
lasciando solo cenere
ora che non ho più sentimento
non capisco come facevo ad averne
è l inverno dell amore
ora averti vicina è patire
gelo che stride
nel non saper più di te gioire
mi rimane il dolore o l odio
verso di me
che mi sono sbagliato
verso di te
che non l hai impedito
l avvenire di una tragedia
meth pubblicato il Novembre 20, 2016 alle 8:34 pm:
come ogni anno
si accendono false luci
saremo buoni come l' anno prima
a far sorrisi tirati a tutti i parenti
saremo buoni come l'altra volta
far i felici per regali che hanno come sigillo la firma del ''tanto perchè devo''
ogni anno
tra cibi zuccherosi
oggetti costosi
ricorderemo
la morte del nostro spirito
tra lo schiamazzo dei centri commerciali
e pratiche non più familiari ma burocratiche
Vota NO pubblicato il Novembre 20, 2016 alle 7:11 pm:
Il MEP è apolitico ma al referendum voterà NO.
Dinvisibili pubblicato il Novembre 19, 2016 alle 10:13 pm:
Intento come sono
A soffiare sulla vela
Di questa piccola zattera
Che a malapena regge me
E i miei cassetti
Dove stipo i petali
Dell'ultima avvizzita leggerezza
E i destini che mi avevano
Predetto con certezza
Alla fiera del paese
In cui nascono i tramonti
Non ho il tempo per accorgermi
Di navigare dentro un lago
E che la tua impronta
Lasciata sulla scala
Il temporale l'ha lavata via.
E non riesco neanche più
A reggere le stelle
A mani nude
Matteo Renzi pubblicato il Novembre 19, 2016 alle 2:53 am:
macchina mia evanescente
fantasma futuro
mio avvenire che nel mare
ti affoghi e ti anneghi
oh sotto i piedi molli
questo affanno per la rima
strumentale, questo affanno
di sostanzose pietre
solo erose, mai espanse.
Martina Innocenti pubblicato il Ottobre 31, 2016 alle 2:24 pm:
Altro non m'appare
che il caos e
attorno a me si respirano
i dolori d'autunno