Skip to main content

Libro degli ospiti

Scrivi un nuovo messaggio

 
 
 
 
 
 
L' indirizzo e-mail non verrà pubblicato.
Non inserire informazioni sensibili, il messaggio verrà pubblicato automaticamente.
6038 messaggi.
nikel pubblicato il 6 Giugno 2017 alle 20:31:
un tempo nel mio cuore
si trovava un giardino di fiori
dai tanti profumi e colori
ma voi crudeli debole lo vedevate
e l avete rovinato coi vostri giudizi i vostri consigli
e le vostre parole,che non scioglierebbe nemmeno il sole
zizzania e spine avete seminato,insegnato mi avete
che l odio va alimentato
che l orgoglio non è peccato
ma ora ora che la mia anima è un covo di rovi
fuori non vedo, dentro non spero
ritaglierò tutto
ricomincerò da capo
perchè ogni valore gela e muore
se manca il candore
Silvia pubblicato il 6 Giugno 2017 alle 16:16:
Come le ultime righe di quella poesia,

strappata, logorata, attaccata a un muro,

Ti odio con tutto l'amore che ho.
Gennaro pubblicato il 6 Giugno 2017 alle 15:55:
Ti odio solo perchè non posso amarti.
Silvia pubblicato il 6 Giugno 2017 alle 15:19:
Illusioni.

Illusioni.

Illusioni.

Solo

Illusioni.
Gennaro pubblicato il 6 Giugno 2017 alle 14:51:
E amo trovarti in ogni luogo ed in ogni cosa.
Mattia pubblicato il 6 Giugno 2017 alle 13:23:
Io cerco te.
Negli occhi il sussurro
Dolce di lei che mi insegue il cuore.
Ed io che la bacio per bermi un dolore
Che infame mi spezza
Le dita non rotte.
Torno a fumare
Sulle sponde dei campi
E chiedo all'airone
Dove porti il sentiero.
Mi grida il suo nome
Ma cerca i tuoi occhi.
Mattia pubblicato il 6 Giugno 2017 alle 13:17:
Ho raccolto mille e mille stelle
Nelle notti più nere
Ubriaco d'inchiostro.
Per donarle a te tutte,
Perché fossi io tuo soltanto.
Ma non schiacciasti quel cuore
Troppo pesante,
decisi io di viverne senza.
E tutte queste cadute stelle
Galleggiano adesso in un mare di vodka.
E non cantano più
Mattia pubblicato il 6 Giugno 2017 alle 13:11:
La città la mattina sa solo cantare,
Insegue i tuoi mille riflessi a nascondersi
Tra le dodici pieghe del letto
Che da moltissimi anni o una manciata di ore
Conto per te che non sai più parlare.
Mia madre che all'alba si vive già addosso
E il caffè delle sette, un sangue comune,
Infila tra le labbra rotte ed uguali
Ancora soltanto un pacchetto di fumo.
Luca pubblicato il 6 Giugno 2017 alle 12:15:
Girando,
intorno a
questo punto di
diramazione;
sperando,
invano
ogni volta
a fine giro,
di
cambiare.
Cecilia pubblicato il 6 Giugno 2017 alle 11:32:
Incontro

Sì avvicina.
Occhi brillanti
di chi ha viaggiato
o sta scappando
di chi non riesce più a sorridere
ma ha in sé bellezza
e ti domanda
se ne vuoi un poco.
Tu, disarmata
prendi la sua mano
e la stringi.
All'orizzonte
troppo ancora da cambiare.