Libro degli ospiti

Scrivi un nuovo messaggio

 
 
 
 
 
 
L' indirizzo e-mail non verrà pubblicato.
Non inserire informazioni sensibili, il messaggio verrà pubblicato automaticamente.
5335 messaggi.
Alice pubblicato il Ottobre 5, 2021 alle 12:34 pm:
Diario di bordo

5 ottobre

Nulla di nuovo all’orizzonte.
La ricerca della terra ferma prosegue ormai da mesi…
Sulla mappa è qui. la vedo. l’ho trovata. viene.
Ma non si vede terra.
Ma allora dov’è che sbaglio?
Incontriamo un altro vascello con un certo victor Puiseaux che ci da’ una Serie di indicazioni
Ma iniziamo a dubitarne
Ci vuole fregare?
O non abbiamo inteso cosa ci volesse dire lei con
“State attenti o la nave si spezzerà in linee più o meno dritte. tante quanto è grande la nave. Immaginate”
Vado a tribordo, un casino, tutti ordinati ma nessuno in fila.
E questa bussola che nemmeno indica la retta via.
G. pubblicato il Ottobre 4, 2021 alle 11:12 pm:
Ci sono giorni in cui
Il pensiero di te è costante
Come una fame che mi divora da dentro
E il desiderio di averti
Si tramuta in esigenza.
Ci sono giorni in cui
La paura di essere scordata
Nel cassetto dei ricordi passati
Si tramuta in fitta al petto.
Ti somatizzo ormai da un po'
Tant'è che son passati un paio d'anni...
Il mio corpo si rifiuta di accettare la mancanza,
Come se disperatamente
cercasse una parte di sé.
Forse un giorno inventeranno il teletrasporto,
Fino ad allora cercherò di trattenerti
Come faccio col respiro.
Max pubblicato il Ottobre 4, 2021 alle 9:40 pm:
TO BUILD A MAN

To build a man need men, roads and stories.
To build a man need his life, his road and the others.
G. pubblicato il Ottobre 4, 2021 alle 7:45 pm:
Era maggio, il sole tramontava e splendeva nei tuoi occhi chiari e limpidi,
il vento sfiorava i nostri volti, entrando dai finestrini dell'auto.
Sotto di noi c'era la città non ancora pienamente illuminata,
dentro di noi c'era una voglia matta di amarci e darci una possibilità
e la consapevolezza che non l'avremmo mai fatto, perché ognuno di noi era impegnato ad incollare i pezzi di sé,
che la vita gli aveva tolto con il tempo.
Il cielo era diventato un incrocio di colori
e il sole spariva nella stessa maniera in cui avrei voluto sparissero le mie paure.
Il sole spariva nella stessa maniera in cui avrei voluto abbandonarmi
per sempre
tra le tue braccia.
Alice pubblicato il Ottobre 4, 2021 alle 7:20 pm:
Vorrei toccarti il braccio e dirti "vedi stai sorridendo"
Vorrei passarti la mano davanti agli occhi
Quando ti incanti
Un po' come quella nuvoletta, che per poco non mi ha fulminato, che ti parla nelle orecchie, che hai quasi sempre sopra di te... no, davanti... no, di fianco... insomma
«vorrei respirare il tuo fumo passivo,
Non tornare a casa,
Sbagliarmi apposta al bivio»
Lo rifacciamo quel gioco? pubblicato il Ottobre 3, 2021 alle 11:16 pm:
Spero di mancarti così tanto
Da costringerti a cercarmi
E mi auguro che tu sia anche
Un tantino sbronzo
Da confessarmi ciò che senti
E io a quel punto,
Ti prometto che stavolta
Ti metterò a tacere
Con quel bacio che volevi.
G. pubblicato il Ottobre 2, 2021 alle 7:28 am:
Tutta questa calma non mi basta,
È come vivere a metà
Se non c'è complicazione
Non mi sento viva.
La vita perfetta non mi basta
Il cielo azzurro no,
Non mi basta
E questo mare calmo che ho intorno,
Non mi basta.
Ma basti tu
Che fai esplodere i palazzi dentro
E crei scompiglio tra i miei scaffali impolverati
Soffi le foglie che ho raccolto
E le disperdi, e mi fai urlare
Questo basta a me e alle mie parole
Che con te diventan storie.
Angelica da San Salvo pubblicato il Ottobre 2, 2021 alle 4:09 am:
"Embè embè che c'è?"
E quanno er vino embè
C'ariva ar gozzo embè
Ar gargarozzo embè
Ce fa 'n ficozzo embè
Pe falla corta
Pe falla breve"
(Ma che ce frega ma che ce mporta - Lando Fiorini)

«Sono sazzzzzzio
Di tutto questo trambusto. Cit»
Max pubblicato il Ottobre 1, 2021 alle 4:54 pm:
IL BANCHETTO

A un re restò ner gargagozzo
Un osso der nemico vinto.
Er re ner viso tutto rosso
Disse a se stesso convinto:
- T' avrò cotto ben bene,
Ma ancora me fai passare tante pene. -
Nicola pubblicato il Settembre 28, 2021 alle 8:26 pm:
Vedendo te,
Forse sarà stata la metafora della lumaca,
Ma mi è passato l’appetito
E il non mangiare o il mangiare poco
Dicono porti ad allucinazioni,
a me solo psicosi.
Vedendo te,
mi è passato il sonno,
A me, che con Morfeo ci passavo le migliori notti,
C’ho litigato.
Con medicine non abbastanze adatte al mio modo di vivere ci avevo rifatto pace,
Ma in compagnia nostra sono rimaste le paranoie, le psicosi
Ora con questi antipsicotici
Non dormo
Mangio poco
Ma vedendo te
Mi sento sazio, riposato
E i livelli di dopamina? sempre nella norma.