Le mani giunte, a te, sono preghiera
di ginocchia vinte,d’ombelico, sunto
del mondo, di ritrosa e di vera
amata conquista. Credici. Punto.