Gettata nello strazio che cosciente
di me faccio, nel lamento silenzioso
delle cose, volgo lo sguardo
alla candela spenta, la mente
al tuo distratto non voltarti
(d’un tratto, di scatto)
al segno rimasto, al seguito pensato,
all’ultimo dì, sperato incontro.