Nel sangue in allarme,

nell’ego che abbraccia.

La poesia è lì,

orfana di poeti,

nelle anime sorde

di ascolta il proprio rumore.

Ormai da anni,

ormai da secoli:

immemore è il sorriso,

immemore è la nausea.