Vorrei vivere

con la testa in una nuvola

dove i pensieri sono vapore

e le preoccupazioni gocce,

destinate a cadere altrove.

Non sto bene in nessun posto

eppure ogni luogo è mio

e sebbene cambi spesso forma

sono sempre mia essenza

e pur facendo parte

di uno sconfinato cielo

son sola in questo percorrere il mondo

e sola resterò

finché arriverà  il momento

di dissolversi.

Allora che nuvola sia

il mio destino,

perché non sempre

grigie e tristi

si presentano al mio cospetto

e quelle che preferisco

sono primaverili coltri di cotone

allegramente modellate

e se si faranno tempesta

– come spesso accade –

saprò sempre che

di temporale estivo è il  mio umore

e presto passa

poiché lì dietro si cela il Sole

che rispende dentro di me.