Skip to main content

Rivolto come un barbaro i cadaveri, li squarcio fino al minuzioso fondo, bramo la vita
Non sfioro il terreno, son forse spirito?

Invece eccomi, povero verme cieco, ciò che su cui mi muovo non è il cielo, ma il soffitto.