Ombre sul muro danzano nel mio appartamento
scavando forme grigie e marroni dappertutto.

É ormai abbastanza chiaro che sbaglio a fidarmi delle nuvole,
che per natura non possono restare, in ogni caso.

Nel mio appartamento ho dipinto un albero
per trattenere tutta la luce che mi hai dato
nel mezzo di tutte queste danze.

Eppure non vedo alcun vantaggio nell’aggrapparmi al ricordo di te,
perchè nessuna ombra può riempire il buco che hai lasciato nel muro di casa mia.

E se anche mi pensassi ancora –
(così, che per puro caso ti passasse il mio volto davanti agli occhi in un momento di assentissima distrazione)

così – per puro caso – dicevo,

dimmi come ti viene in mente
pensarmi
e fare finta di niente.