A volte mi basterebbe una carezza
Per uccidere tutti i miei demoni,
Vagabondo che non sono altro,
Cerco nel mondo un po’ di amore
Cerco la luce nel buio delle persone
E giro,
giro per questa città.

La notte.
Le tenebre.

Sarò quello che non ti sei mai aspettata,
Sarò l’occasione della vita,
Il desiderio nella cometa,
La botta della prima pasticca,
e l’ultima che ti manda in overdose,
Sarò il ricordo nei ricordi,
La cicatrice nella tua mente,
Immortale e bellissima

In un mondo vuoto e impazzito,
Vago senza meta e senza superficialità,
Non vivrò solo per me stesso,
Vivrò anche per te.

Io, vagabondo,
Se la mia meta sarà altrove,
Chiudi gli occhi e sogna,
Sarà tra i desideri e gli incubi
Che mi ritroverai.