Chissà cosa pensava
Madre Natura
mentre scolpiva questi fragili lineamenti?
forse al ventre vellutato di un petalo celeste,
che cade giù librandosi in un silenzioso vortice sommesso
tocca terra senza scomporsi

Stoico si lascia attraversare dalle distratte zampe degli animali del bosco,
accoglie coccinelle solitarie,
rimane impassibile sotto ad uno scroscio di म्aggio

Ritorna a nuova vita su questo naso,
rivive grazie alle tue labbra,
viaggia su vapore di calde lacrime color pelle.