Stuzzico la mia dignità
amoreggiando con i castelli d’aria
spacciandomi per felice
e schiaffeggiandomi da sola
con le parole
misere
degli altri.