Skip to main content

A.191

Nel disegno scomposto di capelli controluce

ciocche di versi barocchi irreali

ho intravisto l’ombra inquieta

d’un pensiero sollevato

nell’aria sporca

di Bologna

(un piccione)

(pioggia)

(parole)

(luce)

.

.

.

No,

non crucciarti.

Se i tuoi “giorni”

non fanno rima con “ritorni”.

Se i tuoi sonetti restano incompiuti,

desolate strade di campagna all’imbrunire.

Le tue poesie migliori sono dubbi che bruciano

(sterpi nella sera)

(capoversi di fumo)

(tramonto).