A nessuno piace il jazz

Sei come jazz
che nessuno capisce e
fa male alla testa
ma io ti osservo dall’altra parte della stanza
ballando sulle note del sax
mentre il fumo della sigaretta
si disperde nell’aria tumida di chiacchiere
futili, borghesi radical chic
elargiscono sorrisi dietro un cocktail
ma io ti guardo,
ti ascolto e
la tua presenza suona le mie vertebre
come un vibrafono
รจ un’altra notte vellutata degli anni ’30
– qui a New Orleans –
se non fosse che tu,
tu sei diventato un brano jazz