Arrivederci sorelle!

Ho vissuto a piedi nudi con loro per tre settimane. Mi sono sentita libera e leggera, selvaggia e bambina.
Mi hanno chiamata sorella dopo soltanto un gioco insieme. Non per il sangue o per la pelle, non per la lingua.
Ci é capitato di benedire la pioggia. Loro la bevevano, danzando per lei e implorandole di continuare.

Le ho chiamate anche io sorelle
a piedi nudi
sotto la pioggia.

Poi ho detto loro arrivederci
perché addio non mi andava.
Arrivederci sorelle!