C.

Nel mezzo delle tue gote
pallide di sessione estiva
splende uno strano sorriso
che tutto ingenuo e vivo
mi insegna com’è facile
brillare ancora
nonostante il sole lontano;
lo imito e sogno
di vedere le tue labbra
chiudersi soltanto
allo sbocciare delle mie,
due fiori a primavera;

e le lacrime di oggi
cadono leggere
su terreno finalmente fertile

G.121