Cadice (“Le città visibili” #3)

Torbido mare di cartapesta
e vento tagliente di tempesta,
eburneo miraggio del sole
e giardini di smeraldo splendore

siate oggi la mia casa,
siate oggi i miei fratelli

G.121