Chiparici

I filari di cipressi
ci accolsero
come viandanti
nella fredda limpida mattina di Febbraio e
per miracolo
non v’era la presenza di un’anima.
I cipressi ci guidavano
verso San Galgano
e i costoloni gotici
innalzavano i nostri sguardi al cielo
in quella chiesa
dove si giunge all’infinito
con lo sguardo al tetto sparito
come quando triste
penso al nostro amore
e i costoloni di noi
mi portano al cielo.

L.30