Cotral

Tutto va veloce

ma io non so correre.

Gli autobus li ho sempre persi

perché mi viene il fiatone,

salire gli scalini a due a due mi copre di tristezza.

Tutti vanno veloci

e io rimango indietro.

L’unico che mi aspettava eri tu,

che a volte eri anche più lento di me,

ma ora mi volto di lato

e sul marciapiede c’è solo ghiaia.