E lucevan le stelle

Io – scavata in una ruga del divano
Tu – come me.
Il culo – disperso nel cosmo di poliestere
space shuttle di pasticche nell’esosfera del Madopar.

Parlami del mare
Raccontami e fammi scordare
Perché non ti penso mai.

Ora mi guardi e sorridi

E mi ripeti di dire a mamma di portartene ancora di quelle riviste. Ne hai ancora solo due. Di portartene ancora. E io penso a quelle riviste che sono quelle vecchie che prima stavano dal parrucchiere che donne annoiate hanno sfogliato il cranio divorato dal tepore del phon e che tu ora leggi il cranio confuso dai solitari. Dove vinci sempre.                                                  Perché ti piacciono.
Di portartene ancora.

Parlami del mare
tu – donna da amare
soprano a metà
cantante prima ancora che nonna
assai prima ancora che madre.

Ti penso raramente
Ma lì – fra le rughe del divano – le tue giornate vacue
Parliamoci del mare.

Io – ci pensi mai?
Tu – Tosca sai, io non penso a niente.