EURIDIC*

Chissà per quale ragione

Fra tutti

Ho scelto proprio te

Trasfigurandoti

E adesso

Passo le giornate

A intrecciare quartine dorate

Con cui intrappolarti

Ammaliarti

Maritarti

A far vibrare tartarughe giganti

Ad ammansire ghepardi

Ti ho provato addosso

Le armature degli Argonauti

Tutte le corone e le collane

Di dee e cortigiane

Per me potresti essere

Elisabetta Prima

O Bellerofonte

Ma ho paura di guardarti veramente

Alla luce del sole

E scoprire che in realtà

Sei soltanto

Un cumulo di ombre