Gniente de’ francese

Io me ricordo i sorrisi a mille denti,

la voglia de sta’ insieme, i lamenti, gli accidenti,

‘e gelosie, le attese, gli spaventi,

‘e telefonate, i “ma te pare”, la fine dei tormenti.

 

Io me ricordo ‘a gonna tua ‘nfilino troppo corta,

l’aria tua imbarazzata e seria in mezzo ‘a comitiva,

casini e impicci d’ogni sorta,

‘na carezza, leggera e furtiva.

 

Allora me chiedo e ma richiedo,

me lagno e me dimeno,

quando t’ho vista me so detto  “non ce credo!

m’ha rimpiazzato co’ quello scemo?”

 

Cio so che ero monotono, che ‘nvalevo ‘na lira,

che volevo sempre sta’ a casa tua pe’ vede’ un film,

che ‘nce stavo manco pe’ pijasse ‘na bira,

ma amo’ l’amore è pure routine.

 

Mo’ che te fai vede’ co’ quer principino,

che ‘nnate  ai concerti, alle gallerie d’arte,

me rendo conto de quanto so’ stato cretino,

ma nun je la faccio a metteme da parte.

 

Me so’ fatto accompagna’ da te, ar palazzo,

cio sai che nun so’ guida’, pure se c’ho ‘a patente,

che me riportavi avanti e dietro, e te ringrazio!

Allora t’ho chiesto supplicante:

 

“So’ stato o nun so’ stato il tuo primo amore?

Dimmelo signorì, qua c’è n’omo che te prega.”

E lei m’ha risposto con candore:

“Ma, ormai, che te frega?”

L.123