Il colore della cravatta

L’essere umano desidera sempre quello che non ha

mi disse un fascinatore

un artista dell’immagine che lavora sulle insicurezze altrui.

Guardati allo specchio

cosa ti sembra

il modo in cui ti vedono gli altri?

Me lo chiedo tutte le mattine

quando sono solo e nessuno mi vede

la sera a letto

prima di chiudere gli occhi

me lo chiedo tanto che ho iniziato a leggere libri

a leggere sempre per distrarmi, per non pensarci.

Quando mi sveglio penso a quello che vedono gli altri:

e parlo di quello che viene da dentro, del mio essere

perché non mi sono mai curato dell’immagine.

Ho iniziato  a mettere camicie, a farmi tagliare i capelli con cura nei dettagli

per la paura che liberato

quello che c’è, dentro

sia quasi meglio che mi guardino il colore della cravatta

sia anche mal abbinato.