Il valzer della mantide

Osservo passi in sincrono,

uno avanti e l’altro indietro,

alternarsi occupando gli stessi spazi.

Una danza

in cui i corpi mantengono quella distanza fatale

all’amore.

L.151