Inquieto è il mio cuore

Gli animali lo avevano capito prima di tutti
E si avvertivano nelle loro lingue lontane
Noi scopando siamo venuti insieme
E all’alba siamo scappati poco prima della sventura

Non ho mai più visto quella città di confine. Neanche tu
A volte ci ritorniamo di notte unendo il respiro
A colazione impauriti ci raccontiamo lo stesso sogno
Nascondendo le lacrime nel latte con i biscotti

“Inquieto è il mio cuore finché non riposa in te”