La tua assenza

Accade, nelle notti più nere,

che s’insinui fra i ricordi,

distorto, confuso e sbiadito,

uno fra tutti mozzafiato:

è il tuo sorriso.

 

L’osservo con l’occhi chiusi,

mentre Morfeo disegna

con tratti inverosimili

un mondo color pastello,

ove m’attendi perpetua

nella tua bellezza.

 

Così, ti spoglio nei sogni,

di quei pensieri che silenti

ti hanno rubata, un lontano dì,

ai miei desideri più profondi

e ti dedico eloquenti silenzi,

acuti come la presenza

della tua assenza.