L’ESIGENTE

Porti allo sfinimento 

Ogni santa volta 

E sanguino lento

Dirti “che importa?”

A volte mi spengo 

Ma sento la svolta

Se sorge un momento

E sei senza scorta

Io sono contento 

Che storia contorta

Ti porgo l’unguento

E tu vuoi la torta.

D.129