Myrra

A te,

che sei tempesta

che lascia dietro di sé

bellissimi arcobaleni.

R.57