Non ti capisco, mondo

Nella semplice sequenza dei tuoi gesti

La meravigliosa complicatezza della complicità quotidiana

Mi pugnala lentamente

Con la sua affilata assenza