Notte di mezza estate

Spingi più a fondo quelle dita

solleticami l’ugola

conducimi a vomitarti

massaggia le mie corde vocali

e come nei sogni

strozza ogni mia parola

fammi urlare senza suoni

fatti amare di ultrasuoni