Notte di ponente.

Danza, grillo

aggrappato a quel filo d’erba

che la tua grazia non s’abbia a perdere mai

come il tuo canto in questa notte

superba.

Gonfia, rana

il tuo sottile ventre trasparente

Rotola laggiù il mare, schiuma di rabbia.

Mente.